Ormai viviamo su Google. Senza rendercene conto viviamo su prodotti e servizi della società di Cupertino.

Nella mia giornata tipo Google è sempre presente.

Mi sveglio e mentre faccio colazione controllo le mail ricevute sul mio account Gmail, apro Chrome per navigare in internet e iniziare la mia giornata lavorativa.

Mi vedo con Michele e Matteo per un pranzo in un nuovo locale in centro e utilizziamo Google Maps per arrivarci velocemente. Dopo il pranzo abbiamo la call per pianificare le prossime interviste di Lacerba, anche quella grazie ad un prodotto Google: Hangouts.

Utilizziamo Google Drive per condividere tutte le presentazioni che stiamo preparando… e poi youtube, i telefoni Android, analytics, books

Insomma siamo circondati da prodotti e servizi Google.

Ma Google è anche famosa per creare molti strumenti “nascosti” che solo in pochi conoscono. Di seguito la lista dei dieci più affascinanti.

 

Dino T-Rex

Se state utilizzando Chrome e internet per qualche ragione ha smesso di funzionare, noterete sicuramente comparire nella schermata di errore un simpatico dinosauro T-Rex.

Provate a premere la barra spaziatrice quando vedete questa schermata e il T-Rex si animerà in un gioco old-school che vi farà dimenticare che la vostra connessione non sta funzionando.

Attenzione, può creare dipendenza! Vi consigliamo quindi di non staccare la connessione del vostro ufficio appositamente per giocarci e sfidare i vostri colleghi.

Il nostro record a lacerba.io è di 2169. Fateci sapere quando riuscite a batterci.

 

Do a barrel roll

In aeronautica il barrel roll è una manovra acrobatica che porta ad effettuare un giro completo rispetto all’asse orizzontale del volo.

Questa manovra è diventata famosa con il gioco Star Fox – il secondo gioco in 3d sviluppato da Nintendo negli anni ‘90. E’ il genere di mossa perfetto per capire il potenziale del gioco in 3d. Immaginatevi di passare da un gioco su due dimensioni dove al massimo è possibile saltare ad un gioco che ti permette di fare una manovra acrobatica come il barel roll.

E’ ovvio che questa mossa diventi una delle più famose tra i tutti gli appassionati di videogiochi.

 

In Google amano i giochi old-school e hanno deciso di ricreare una funzione barrell roll.

Provate ad aprire Chrome, ad andare sul motore di ricerca di google e cercare “do a barrel roll”.

 

Chuck Norris

Chi sia Chuck Norris lo sappiamo ovviamente tutti. Ma dove sia è difficile saperlo.

Quindi provate a chiederlo a Google.

Andate su google.com e scrivete “find Chuck Norris”, quindi cliccate su mi sento fortunato.

 

Bletchey Park

Avete visto il film “The imitation game”?!

The Imitation Game racconta la storia del matematico e crittoanalista inglese Alan Touring, considerato il padre dell’informatica. Alan durante la seconda guerra mondiale lavorò infatti a Bletchley Park, il principale centro di crittoanalisi del Regno Unito, dove ideò un macchinario in grado di decodificare i cifrari tedeschi. Questo macchinario è considerato uno dei primi computer e per questo motivo, Google ha deciso di omaggiare Bletchley Park.

Andate su Google, cercate Bletchey Park e guardate cosa succede sotto la mappa che appare nel lato destro della pagina…

 

Gravity

Immaginatevi internet con la forza di gravità dove gli oggetti tendono a cadere a terra… Ora andate su Google, cercate “google gravity” e premete su “mi sento fortunato”…

A questo punto cercate lacerba.io sul motore di ricerca e avrete un’idea di cosa significhi avere internet senza forza di gravità

 

Zerg Rush

Lo Zerg Rush è un termine da nerd riferito ad una tattica utilizzata nel videogioco “Starcraft” negli anni ‘90. Tale tattica prevede un attacco con tantissime unità deboli (chiamate Zerg) per invadere la base nemica. Cercate su Google “zerg rush” e tante piccole “O” cercheranno di invadere la pagina e mangiare i risultati della ricerca…

Cliccate sopra queste “O” e cercate di distruggerle tutte.

Buon divertimento!

 

Do the harlem shake

Vi ricordate l’harlem shake, il meme virale che qualche anno fa ha contagiato tutti i social network?

Ovviamente anche Google è stato contagiato. Andate su Youtube (di propiretà di Google) e cercate “do the harlem shake”… Ora attendete qualche secondo, alzate l’audio e godetevi lo spettacolo.

 

Cosa mangiare a cena: pasta vs. carne

Siete indecisi se mangiare una pizza o la pasta per cena? Chiedete a Google.

Basterà scrivere sul motore di ricerca “pizza vs. pasta” e google vi aiuterà nella decisione.

 

Atari breakout

Sono sicuro che la parola Breakout non vi dice molto… Ma sicuramente conoscete tutti Steve Jobs e la sua storia e la sua storia di quando lavorava in Atari. Il suo capo in Atari pagò Steve Jobs 750$ per migliorare il prototipo del gioco Breakout che stavano sviluppando. Il lavoro prevedeva anche un bonus di 100$ per ogni chip utilizzato in meno rispetto agli schemi originali.

Steve Jobs chiese al suo amico Steve Wozniak di collaborare con lui in questo progetto dividendo i guadagni. Wozniak non aveva nessuno schema e progettò il suo prototipo sulla base delle informazioni fornite dal suo amico. Il risultato fu una scheda composta da 50 chip in meno e Jobs ricevette 5 mila dollari, ma Jobs divise solamente i 750 dollari senza menzionare il bonus ricevuto al suo amico Steve Wozniak.

Potete immaginare quanto fascino ci sia dietro questa storia. Per questo motivo Google ha deciso di omaggiare Breakout.

Cercate “Atari Breakout” su google e poi andate su immagini. Buon divertimento!

 

sqrt(cos(x))*cos(300x)+sqrt(abs(x))-0.7)*(4-x*x)^0.01, sqrt(6-x^2), -sqrt(6-x^2) from -4.5 to 4.5

Google permette anche di inserire una formula per avere il grafico della funzione.

Se volete conquistare una ragazza da veri nerd allora copiate questa formula – sqrt(cos(x))*cos(300x)+sqrt(abs(x))-0.7)*(4-x*x)^0.01, sqrt(6-x^2), -sqrt(6-x^2) from -4.5 to 4.5 – e inviatela alla ragazza che vi piace. A questo punto chiedetele di copiarla nel motore di ricerca di google e vi garantisco che sarà conquistata.

A questo punto dovrete solo cercare un buon ristorante su Google e portarla fuori a cena…

Daniele Ugolini

Amante di tecnologia e appassionato di StartUp.

Dopo una laurea in economia e una breve carriera nel mondo finanziario Daniele decide di muoversi nel mondo della programmazione spinto dal desiderio di capire a fondo la tecnologia.

Daniele è ora un esperto di Ruby on Rails.

Decide di fondare Lacerba con l'obiettivo di ispirare le persone ad imparare a programmare in modo da creare una futura generazione di imprenditori che sia in grado di muoversi con agilità nel mondo digitale.

Vedi tutti i post

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *